Post

"10 errori nella comunicazione sanitaria online", Cristina Da Rold

Immagine
L'ho riletto e riletto: penso sia da imparare. Questo brevissimo libro, sebbene prosegua per poche pagine, è molto ricco di consigli e informazioni utili su aspetti che vengono considerati sempre troppo poco quando si parla di divulgazione scientifica. La comunicazione non è mai semplice, anche se tante persone tendono a considerarla tale. Ci sono molti pubblici, molti modi di trasmettere conoscenze, social che richiedono approcci diversi gli uni dagli altri per le loro differenze negli algoritmi, nell'aspetto e nei bacini di utenza. L'autrice si focalizza sull'ambito medico perché è la sua specialità; d'altra parte, come fa capire, anche gli argomenti possono essere trattati in modo diverso a seconda della piattaforma, perché su ognuna gli utenti saranno ricettivi in modi diversi. Naturalmente, un altro scopo del libro è promuovere Healthcom Program, il corso sulla comunicazione sanitaria online dell'autrice. Anche questa strategia può essere un ins

"I pesci non esistono" - Lulu Miller

Immagine
La vita della scrittrice si intreccia alla biografia di un naturalista che ha influenzato la storia nel bene e nel male. È difficile credere che la vita di uno scienziato possa somigliare tanto a un giallo. Con un linguaggio poetico e accattivante, la giornalista scientifica Lulu Miller presenta molte storie e molta scienza senza mai annoiare. Anzi: è difficile distogliere l'attenzione da questo doppio romanzo, che trasmette tantissime sensazioni ed è così ricco di colpi di scena. Sicuramente è molto personale, per cui in alcuni punti non sono stata d'accordo con alcune scelte stilistiche dell'autrice, ma trasmette un messaggio molto, molto importante per la scienza e per la società, racchiuso enigmaticamente nel titolo. Ne raccomando la lettura.  

"La scienza dello storytelling" - Will Storr

Immagine
  Perché ci piacciono tanto le storie? Com'è possibile che poche parole possano evocare epoche lontane o inesistenti, farci empatizzare con personaggi così diversi da noi, emozionarci come la vita reale, insegnarci lezioni e il funzionamento della vita? Le storie sono alla base del funzionamento delle nostre società, anche se non ce ne rendiamo conto. Lo scrittore Will Storr, in questa sorta di manuale di scrittura creativa misto a libro di divulgazione scientifica, racconta tutto questo mediante studi scientifici spiegati in modo semplice e bellissimi esempi di letteratura e cinema. Diventato uno dei miei libri divulgativi preferiti, poiché mi ha insegnato emozionandomi e stupendomi a ogni (meravigliosamente scritta) pagina.

"Il libro dell'ignoranza" - John Lloyd e John Mitchinson

Immagine
Il nostro cervello è rosa, abbiamo quattro narici e non discendiamo dalle scimmie. Nessuna opera umana può essere vista dalla Luna e le galassie che possiamo osservare a occhio nudo sono soltanto quattro. A colpi di quiz dalla risposta apparentemente scontata, questo libro breve e intrigante sfata decine di miti tanto noti quanto falsi. Un libro molto affascinante e interessante, godibile da tutti!

"Perché ci piace la musica: orecchio, emozione, evoluzione" - Silvia Bencivelli

Immagine
La musica permea la vita di tutte le culture: celebrazioni e altri riti, guerre, riappacificazioni, pubblicità, negozi. Non ci accorgiamo di quanto spesso veniamo a contatto con essa né dell'influenza che può avere sulle nostre decisioni e sugli esiti dei test a cui ci sottoponiamo... Non si sa perché, eppure la sua capacità di cambiare il nostro umore, farci sentire uniti e persino farci innamorare è quasi universalmente diffusa nella nostra specie. E nelle altre specie? Questo libro analizza le ipotesi, le prove e tante curiosità sull'argomento, in modo chiaro, completo e talvolta spiazzante. Certamente il libro avrebbe reso di più se avesse avuto più immagini e, idealmente, audio e video. È difficile parlare di musica senza sonoro. Ma comunque molto bello per tutti gli appassionati di musica, soprattutto gli scienziati (anche perché spesso le due passioni si sono intersecate!).